Migranti a Venezia

Italiano può non significare essere bianco e non velato

Posted in eventi e incontri by enricabordignon on 7 aprile 2009

foto di ferdart da Flickr (cc)

Il termine “seconde generazioni” è nato nel contesto americano degli anni ’20 a cura della corrente sociologica denominata “Scuola di Chicago”. Oggi questo termine, benché molto diffuso ed utilizzato, risulta più che mai inadeguato e non condiviso. Sono troppe le variabili (giovani figli di coppie miste, ragazzi nati in Italia, ragazzi arrivati in età prescolare ecc…) perché possano incastrarsi con successo in questa definizione!

La tavola rotonda, proposta all’interno del Festival della Cittadinanza di Padova (vedi nostro post), vede  in questo dibattito la sua introduzione: Devisri Nambiar e Sandra Agyli Kyeremeh, le due moderatrici, affrontano il problema di una definizione condivisa che prenda le distanze dai tecnicismi di Rumbaut (che propone una visione “decimale” delle “seconde generazioni” dividendole in generazione 1,5 generazione 1.25 e 1,75) e dalle eccessive generalizzazioni. Una delle proposte che più convincono le relatrici è il termine “cross generation” (che dà il titolo all’incontro) che vuole significare generazioni ponte tra la cultura italiana in cui vivono quotidianamente e la cultura di origine della loro famiglia. Gli interventi che si sono susseguiti sono stati a più livelli e a cura di esperti provenienti da esperienze differenti. Il primo, dello  scrittore italo-algerino Karim Metref, ha introdotto la questione usando una metafora tutta italiana per ribadire che ciascuno di noi dovrebbe avere il diritto e il dovere di “non far parte di nessuna comunità per far parte di ogni comunità”. Ognuno di noi, continua Metref, “dovrebbe avere la libertà di non scegliere con chi stare e, allo stesso tempo, dovrebbe avere la libertà di essere contro la propria comunità”. Sumaya Abdel Qader (autrice del libro “Porto il velo, adoro i Queen“) ha posto, con il suo intervento, l’attenzione su ciò che ci si aspetta dalle “seconde generazioni”: “ci si aspetta decisamente troppo a differenza dei coetanei italiani, ci si aspetta che questi ragazzi siano in grado di risolvere i conflitti tra culture quando si dovrebbe dar loro  innanzitutto la serenità che significa non incastrarli necessariamente in caselle, e non trattarli come problemi“. Di fronte a tanti casi di vergogna delle proprie origine e della propria lingua, Qader ha ribadito la necessità di offrire loro una formazione che li riavvicini alla propria cultura. L’intervento della scrittrice italo-indiana Gabriella Kuruvilla si è concentrato sulle “seconde generazioni” nel modo del marketing, sui pregiudizi e gli stereotipi (negativi e positivi) che li coinvolgono. Con ironia, ha fatto riflettere sulla visione che si ha dei figli delle coppie miste che appaiono, rispetto all’allure che circonda le “seconde generazioni”, come annacquati! Kuruvilla ha inoltre aggiunto come il ruolo dato ai giovani di “seconda generazioni” li porti ad essere degli equilibristi su quello che, spesso, al posto di un ponte, risulta essere un filo tra due culture, sempre in procinto di spezzarsi. In finale, l”intervento di Annalisa Frisina si  è concentrato sulla libertà culturale e religiosa in Italia e sulle pari opportunità tra giovani italiani e giovani di “seconda generazione”. La libertà culturale e religiosa, si esprime anche nella libertà che le “seconde generazioni” dovrebbero avere nell’autodefinirsi. Le categorie che oggi abbiamo a disposizione, ha continuato Frisina, rischiano di essere escludenti e inferiorizzanti: “essere italiano oggi si è arricchito di nuovi significati che non devono più essere dati per scontati: italiano può non significare necessariamente essere bianco e non velato“. Pari opportunità per i giovani di “seconda generazione” significa innanzitutto non partire svantaggiati a causa dell’aspetto o di un documento, significa avere lo stesso accesso degli altri alle risorse disponibili.

Questo dibattito ha (efficacemente) voluto richiamare l’attenzione sulla necessità di un cambiamento a livello legislativo: la legge n. 91 del 1992, che attualmente disciplina l’acquisizione della cittadinanza italiana, lascia la maggioranza delle “seconde generazioni” in un limbo giuridico. Quello legislativo non rimane comunque l’unico problema: in Veneto, un neonato su 5 è figlio di immigrati (dato del Dossier Statistico Caritas Migrantes) che, nonostante risulti essere a tutti gli effetti italiano, sarà percepito come straniero. Questo confronto ha voluto ricordare la pericolosità di etichette e di catalogazioni, che spesso colpiscono anche la libertà culturale dei giovani italiani, per far riflettere infine sulla qualità del ruolo che la società ha affibbiato alle seconde generazioni“, che spesso si ritrovano “parlati” prima di poter realmente parlare!

Vi invitiamo a visitare l’ultimo numero della rivista on line Trickster dedicata proprio a questo argomento!

Grazie a ferdart per la foto!
Annunci

Commenti disabilitati su Italiano può non significare essere bianco e non velato

Traduzioni della Costituzione Italiana: gara o collaborazione?

Posted in notizie, venezia by enricabordignon on 12 marzo 2009

firma della Costituzione Italiana

Il 24 febbraio scorso ha avuto un certo risalto sui media locali una notizia che poneva il Veneto alla ribalta in tema di “integrazione” con la traduzione della Costituzione Italiana in lingua araba. L’opera (così definita) è stata curata da Anci Sa (vedi articolo dalle notizie del sito di Anci Veneto) e pubblicizzata come “prima” assoluta in Italia.

In realtà basta navigare un po’ in internet per accorgersi come il Veneto sia, al momento, l’ultimo arrivato. L’iniziativa di offrire la Costituzione in diverse lingue non è fortunatamente una novità del 2009. Senza entrare nel merito della qualità delle diverse traduzioni effettuate, questa attività ha coinvolto negli ultimi anni molte associazioni in giro per l’Italia: il “Laboratorio per il Dialogo tra le Culture” di Tortona con la promozione della Prefettura di Alessandria, la Caritas diocesana di Agrigento in collaborazione con l’associazione “San Giuseppe Maria Tomasi”, il Comune di Firenze e l’Arci Bologna con il centro interculturale “Massimo Zonarelli”. Nel 2007 vengono distribuite 150mila copie della Costituzione tradotte in 9 lingue a Milano (vedi articolo del Corriere) mentre il 25 aprile 2008 a Lodi si legge la Costituzione in arabo in piazza (vedi articolo del Corriere). Nonostante emergano piccoli conflitti su chi ha avuto questa idea per primo (in particolare per la traduzione in arabo) si nota, per fortuna, un certo clima di collaborazione. Segnaliamo il sito del Comune di Firenze che rende disponibili on line le traduzioni della costituzione in otto lingue: inglese, francese, spagnolo, albanese, filippino, russo, cinese e arabo.

Ma la Costituzione in italiano, quella originale gli italiani madrelingua l’hanno letta? Il sito di radio 3 (che propone l’ascolto di un convegno organizzato dalla Società Dante Alighieri intitolato “Costituzione, Immigrazione e Integrazione” con la partecipazione del linguista Tullio De Mauro) riporta un sondaggio di Donna Moderna pubblicato il 19 febbraio 2009: il 50% degli italiani sostiene di non aver mai letto la Costituzione!

Emerge la necessità di agevolare la comprensione della Costituzione non solo agli immigrati. Si sente un gran bisogno di consapevolezza civica ad ogni livello e speriamo che le buone iniziative circolino libere dalla competizione in un’ottica collaborativa.

(Nella foto: firma della Costituzione Italiana)

Commenti disabilitati su Traduzioni della Costituzione Italiana: gara o collaborazione?

Perché le ronde non convincono

Posted in notizie, rassegna media, venezia by larafontani on 3 marzo 2009

"urbanistica" foto di poluz da Flickr (cc)

Dall’approvazione del cosiddetto decreto anti stupri si discute molto sulla necessità e l’organizzazione delle ronde, che, già presenti nel pacchetto sicurezza approvato al Senato, sono state adesso formalizzate e istituzionalizzate.

Tra le critiche sollevate c’è anche quella del Questore Morselli di Venezia, fatti in occasione della presentazione dei dati relativi all’andamento della criminalità nella provincia nel 2008. Il rapporto riportato da “La Nuova Venezia” e dal “Gazzettino di Venezia” (vedi articolo) parla chiaro: reati in netto calo rispetto all’anno precedente, sia furti, rapine che omicidi. Lo dice personalmente il Questore che intervistato per “La Nuova Venezia” (vedi articolo) mette in guardia sull’opportunità delle ronde nel territorio: “non serve essere organizzati per collaborare con noi. Collaborazione sì, ma niente giustizieri della notte”. Morselli è sì soddisfatto, ma non rinuncia a esporre i reali problemi “noi, localmente, non abbiamo autonomia nel gestire il denaro a disposizione. Possiamo avere fondi per sostituire tende, che non serve sostituire, ma nemmeno un cent per la manutenzione delle auto. La legge ci impedisce di usare i soldi delle tende in maniera diversa”.

Dello stesso avviso sono proprio i sindacati di polizia, riportato nell’articolo “Ronde, poliziotti in rivolta: è la resa dello Stato” del “Corriere del Veneto” del 21 Febbraio (non disponibile on line), “l’unica soluzione percorribile – al problema sicurezza – è mettere le forze dell’ordine nelle condizioni di operare al meglio con finanziamenti adeguati, e il potenziamento di uomini e mezzi”, dichiarazione rilasciata da Bruno Zoppè, segretario regionale del Siap. Secondo Paolo Carlotto, segretario regionale del Silp: “è lo Stato che deve garantire la sicurezza, non si possono mandare i cittadini allo sbaraglio.”  Dalle colonne del “Gazzettino di Venezia” del 22 febbraio (vedi articolo),  interviene anche il segretario veneziano del Siulp, Diego Brentani: “ben venga il volontariato, ma non si capisce che tutti poi faranno riferimento alle forze dell’ordine: aumenteranno le chiamate, ma se le pattuglie resteranno le stesse di oggi, senza automobili e imbarcazioni, non cambierà nulla“.

Nonostante le perplessità e dubbi espressi, continua l’ “arruolamento” dei volontari per la sicurezza nel Veneto, dove in realtà già esiste ed è operativa da tempo l’associazione della Lega “Veneto sicuro”, già attivo a Jesolo, Eraclea, Caorle, Meolo, San Donà, Portogruaro, e anche a Venezia si sono attivati con le prime iscrizioni, come si legge da “Il Venezia- Il Mestre” del 21 Febbraio.

Dal “Gazzettino di Venezia” del 28 Febbraio (vedi articolo) il gruppo ha pattugliato il parcheggio di via Colombo a Mestre perché sostengono i leghisti “abbiamo ricevuto centinaia segnalazioni che riguardano tutte le aree di Mestre con persone che stanziano nei parcheggi cittadini, chiedono 50 cent o 1 euro, e guadagnano bene, sennò farebbero altro. Se non paghi il rischio è di trovarti la macchina segnata al ritorno”.

A chi (vedi articolo del “Gazzettino di Venezia”) sostiene che i volontari non dovrebbero essere soltanto dei semplici cittadini “armati” di  buona volontà, come indicato da alcuni prefetti, ma persone esperte per stare sulla strada, persone formate, giunge la risposta (vedi articolo su “La Nuova Venezia”) pronta del ministro Maroni e del governatore Galan che al loro incontro fanno sapere che la formazione dei rondisti non può gravare né sul ministro, né sull’amministrazione regionale.

Bene, siamo punto e a capo.

Grazie a poluz per la foto!

Decreto anti-stupri: via alle ronde e prolungata la permanenza nei Cie

Posted in notizie, rassegna media by francescavecchiato on 2 marzo 2009

foto di scre(A)nzatopo da Flickr (cc)

Venerdi 20 febbraio 2009 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto anti-stupri.  Al suo interno, tra le principali norme, troviamo riproposta e ridimensionata la questione delle ronde (vedi l’articolo de L’Unità), già all’interno del pacchetto sicurezza (vedi nostro post), e tra le novità la norma che modifica il tempo di permanenza degli immigrati nei Cie, entrambi punti che il Ministro Maroni considera strategici nella lotta all’immigrazione clandestina.

La formula passata al Senato lo scorso 5 febbraio è però stata cambiata e resa ora più “soft”. Lì era scritto: «Gli enti locali, previo parere del Comitato provinciale ordine e sicurezza, sono legittimati ad avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini». Si è cercato di arginare le polemiche suscitate dal testo precedente rendendo determinante il ruolo del prefetto sul controllo delle associazioni e sull’incarico definitivo dei gruppi di volontari oltre alla precisazione che le ronde non devono essere armate. Tra di loro, più che semplici cittadini dovranno partecipare prevalentemente “ex agenti di polizia, dei carabinieri e delle forze armate“. Gli elenchi dei volontari verranno tenuti dalle Prefetture e il modello riprende quello dei volontari per i vigili del fuoco o quello dei “City Angels”, volontari che a Milano operano da 15 anni”, ha detto il Ministro. L’obiettivo, ha voluto precisare a tal proposito Maroni, è quello di passare “dalle ronde fai da te ai volontari per la sicurezza, regolati e controllati” (vedi articolo del Corriere). A Padova già da qualche mese, Mohamed Ahmed, ristoratore, conduttore televisivo e candidato sindaco per la destra ha lanciato la proposta delle ronde multietniche a sfatare le accuse di razzismo…A Roma le donne del quartiere Appio, dove è stata stuprata la ragazza lo scorso 14 febbraio (vedi articolo di Repubblica), si sono organizzate in ronde rosa (vedi video su Repubblica.it).

Dall’altra parte, nei giorni caldi in cui scoppiano le rivolte nel Cpt a Lampedusa (vedi articolo del Corriere), passa nel decreto anche la norma che aumenta il periodo in cui gli immigrati possono essere trattenuti nei centri di identificazione: non più due, ma sei mesi.

In questo modo, ha detto Maroni, “potremo garantire il rimpatrio di tutti coloro che sono nei Centri per immigrati, in particolare quelli provenienti dalla Tunisia che sono stati trattenuti in queste settimane a Lampedusa”. Il titolare del Viminale ha precisato che la norma anticipa il contenuto di una direttiva europea in materia di rimpatri che prevede il trattenimento nei Cie quando manca la collaborazione del cittadino straniero a fornire elementi certi di identificazione, o quando il Paese di origine ritarda la trasmissione dei documenti. “Molto spesso l’identificazione avviene rapidamente, ma le procedure per il rilascio del nullaosta sono così lunghe che i due mesi non sono sufficienti“, ha aggiunto il Ministro (vedi articolo di Repubblica). Inoltre, sono stati individuati 8 siti in Italia per la creazione dei nuovi Cie. Si tratta soprattutto di terreni vicino agli aereoporti (dove solo in alcuni casi vi sono già presenti delle strutture, hangar o ex caserme in disuso, che vanno completamente ristrutturate) in quelle regioni dove i Cie non vi sono ancora. In Veneto le aree idonee sono state individuate nei pressi di Verona e di Tessera (VE), entrambe zone nevralgiche per i collegamenti aerei, stradali e per quest’ultima anche portuali. Verona è risultata però la soluzione maggiormente percorribile per la presenza di strutture militari dismesse adatte a questo scopo. Il 24 febbraio il Ministro Maroni ha incontrato il sindaco di Verona Flavio Tosi per discutere, con mappatura del territorio alla mano, del luogo più adatto per la costruzione.

(Grazie a scre(A)nzatopo per la foto!)

Il rapporto tra i cittadini stranieri e l’assistenza socio sanitaria

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 12 febbraio 2009

piedi

Tema attualissimo per il convegno “I cittadini stranieri ed il loro rapporto con l’assistenza sanitaria e socio sanitaria, l’offerta dei servizi alla persona” promosso dalla Provincia e dalla Prefettura di Venezia con la collaborazione di Terre in Valigia Coop. Soc.

Il convegno si terrà venerdì 13 febbraio dalle ore 9.00, presso il Centro per la Disabilità Sensoriale della Provincia di Venezia, in via Ferrarese-località Gazzera a Mestre (Ve). Il programma della giornata prevede, dopo la presentazione del rapporto tra immigrazione e sanità nella realtà attuale, da parte di Ihor Fedorkia (Vicepresidente della Consulta Provinciale per l’Immigrazione di Venezia), una sessione mattutina dalle ore 9.00 alle 13.00, dedicata agli interventi da parte di: Salvatore Geraci (Responsabile dell’Area Sanitaria-Caritas di Roma), Riccardo Sommariva (Direttore della Questura di Venezia), Giampietro Rupolo (Direttore Regionale Direzione Piani e Programmi Socio Sanitari-Regione Veneto), Michele Moglio (Dirigente dei Servizi Sociali-Regione Veneto) e di Marino Costantini e Gianfranco Bonesso (Direzione Politiche Sociali-Comune di Venezia).

I relatori, con la moderazione di Sergio Frigo, spazieranno dall’attuale quadro normativo in materia di immigrazione, con riferimento all’accesso ai Servizi Socio Sanitari, ai rapporti fra legislazione nazionale e regolamentazione regionale, fino al diritto alla salute e alla cura degli immigrati e le problematiche e buone prassi del Comune di Venezia.

La sessione pomeridiana del convegno, dalle 14.00 alle 16.00, sarà invece dedicata a tre differenti workshop dedicati alle prassi specifiche: la tutela della maternità della donna straniera coordinato da Anna Furlan e Marina Solesin (Direzione dei Servizi Sociali e Consultorio Familiare-A.U.L.S.S. 10), la tutela dei minori stranieri coordinato da Francesca Rech (Ufficio di Protezione e Pubblica Tutela dei Minori) e infine la tutela del lavoratore straniero nei luoghi di lavoro coordinato da Flavio Valentini (Direttore del Dipartimento di Prevenzione-A.U.L.S.S. 13).

La restituzione dei risultati dei lavori dei gruppi sarà a cura di Ubaldo Scardellato (Direttore dei Servizi Sociali-A.U.L.S.S. 13), mentre il dibattito e le conclusioni saranno a cura di Salvatore Geraci e Rita Zanutel (Assessora alle Politiche Sociali della Provincia di Venezia).

Per i dettagli del programma e per le indicazioni per raggiungere la sede del convegno, clicca qui!

(Grazie a rinoplatania per la foto!)