Migranti a Venezia

Il Rapporto Hammarberg

Posted in diritto d'asilo, notizie by larafontani on 20 aprile 2009

Thomas Hammarberg

Giovedì scorso, il 16 aprile, è stato pubblicato il rapporto di Thomas Hammarberg, Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, sull’Italia (è possibile leggere il comunicato stampa del Consiglio, in italiano, e il testo integrale del rapporto, in inglese). Il rapporto (il secondo in meno di un anno) fa seguito alla visita che il commissario ha fatto nel nostro Paese tra il 13 e il 15 gennaio 2009, per verificare il rispetto dei diritti umani nei confronti di migranti e minoranze. Per l’occasione, il commissario Hammarberg ha visitato personalmente i luoghi più critici, come il Cie di Lampedusa, e ascoltato rappresentanti sia del Governo che delle autorità locali, come anche persone delle organizzazioni non governative.

Il responso? «Deep concern», profonda preoccupazione: è questo l’esito dell’esame, soprattutto per quanto riguarda le condizioni dei migranti che arrivano in Italia senza documenti, trattenuti nei centri di identificazione ed espulsione, ma anche il trattamento di Rom e Sinti. Una grave violazione attestata è quella dei rimpatri forzati in Paesi nei quali è stata accertata la pratica strutturata della tortura. Oltre al centro di Lampeusa, esaminato nel rapporto, noi ricordiamo anche la situazione attuale al porto di Venezia, la frontiera del Nord-Est che non spicca certo per il rispetto dei diritti umani (vedi nostro post sull’argomento) e dove sono numerosi i respingimenti verso Paesi, come la Grecia, che impunemente calpestano i diritti di potenziali richiedenti asilo.

Nel rapporto non mancano critiche agli ultimi provvedimenti del governo. Nell’articolo di Repubblica.it si legge:

«La criminalizzazione dell’immigrazione irregolare è una misura sproporzionata che va oltre gli interessi legittimi di uno stato a tenere sotto controllo i propri confini, una misura che erode gli standard legali internazionali», spiega Hammarberg, avvertendo che una simile politica finisce per provocare «ulteriore stigmatizzazione ed emarginazione dei migranti, nonostante la maggioranza di questi contribuisca allo sviluppo degli stati e delle società europee». Pertanto rivolge la richiesta al governo di «rivedere le parti della nuova normativa che sollevano serie questioni di compatibilità con gli standard dei diritti umani».

Inoltre, come si legge su Corriere.it, il commissario Hammarberg afferma:

«d’essere particolarmente preoccupato dai resoconti che continuano a evidenziare una tendenza al razzismo e alla xenofobia, che occasionalmente sfocia in atti estremamente violenti, rivolti principalmente contro immigrati, Rom e Sinti o cittadini italiani con origini straniere, anche in ambito sportivo».

Staremo a vedere come il Governo recepirà — se recepirà — le indicazioni e gli ammonimenti giunti da Strasburgo.

Annunci

“Come un uomo sulla terra”, un viaggio traumatico verso i diritti

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri by Daniela on 18 aprile 2009

foto di Andries3 su Flickr (cc)

«Dal 2003 Italia ed Europa chiedono alla Libia di fermare i migranti africani. Ma cosa fa realmente la polizia libica? Cosa subiscono migliaia di uomini e donne africane? Perché tutti fingono di non saperlo?»

Come un uomo sulla terra è documentario-denuncia coraggioso, tanto drammatico quanto reale che ci apre gli occhi sulle esperienze dei viaggi che i migranti africani fanno attraverso il deserto libico, prima di imbarcarsi nella speranza di arrivare nei porti dei cosiddetti Paesi civili. E sono proprio le voci dei i protagonisti di questi “viaggi” a raccontarci le loro esperienze e a mostrarci i segni che hanno sul loro corpo con occhi velati da cicatrici ben più profonde e indelebili. Ci raccontano storie di continue violazioni dei diritti umani in luoghi e Paesi dove i migranti vengono rinchiusi, affamati, spogliati di ogni dignità, picchiati, venduti e rivenduti come merce. Il loro è un percorso non così lineare come può sembrare, non viene da una decisione presa con leggerezza, ma è una fuga da condizioni di vita estreme.

Il consiglio è quello di guardare il documentario, di non fermarsi alle frammentate notizie che ci arrivano, ma di ascoltare anche altre voci — le loro — e  di scoprire che cosa passano tutte queste persone per raggiungere quelle condizioni di vita, quei diritti che agli occhi di noi “occidentali” sono semplicemente normali, talmente normali che la loro importanza perde ogni visibilità.

Il film sta girando da vari mesi in tutta Italia e non solo (è stato anche a Venezia il mese scorso). Chi fosse interessato a vederlo, può trovare il calendario delle proiezioni all’indirizzo http://comeunuomosullaterra.blogspot.com/2008/09/calendario-proiezioni.html

Photo by Andries3 on Flickr (Creative Commons): thanks!

Commenti disabilitati su “Come un uomo sulla terra”, un viaggio traumatico verso i diritti

Seminario sui Paesi di transito

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri, venezia by Pamela Pasian on 17 aprile 2009

"The Night Lights of Europe (as seen from space)" di woodleywonderworks (cc)

Il Servizio Pronto Intervento Sociale per Non Residenti – UOC Richiedenti Asilo e Rifugiati (iRaR) del Comune di Venezia propone un nuovo momento di formazione: “I Paesi di transito: responsabilità italiana, europea e locale” è il titolo del seminario che avrà luogo a Mestre in via S. Pio X n°4, il prossimo martedì 21 aprile alle ore 9.30.

Le migrazioni investono la comunità internazionale di precise responsabilità, responsabilità che devono essere assunte sia a livello macro che a livello micro. Il seminario si propone quindi di analizzare cosa sta realmente accadendo in Libia, Grecia e Turchia, per poter così verificare se quanto previsto dalla normativa internazionale viene applicato.

Interverranno il Prof. Bruce Leimsidor, docente dell’Università Ca’ Foscari, assistito da Hamza Bahri, giornalista algerino e studente del MIM (Master Immigrazione, fenomeni migratori e trasformazioni sociali) della stessa Università.

The picture above is by woodleywonderworks (Creative Commons license on Flickr): thanks!

Commenti disabilitati su Seminario sui Paesi di transito

La Cross Generation al Festival della Cittadinanza

Posted in eventi e incontri by Pamela Pasian on 31 marzo 2009

foto di Stefano Liboni da Flickr (cc)

Da tredici anni Padova ospita Civitas, il Salone dell’Economia sociale. Quest’anno però c’è una novità: ad ospitare associazioni, onlus, cooperative, organizzazioni di volontariato, ecc…non saranno più i padiglioni della Fiera, ma sarà la piazza: Civitas si trasforma in Festival!

Il “nuovo” Festival della Cittadinanza vuole dar vita ad un evento culturale che pervada la città, le sue piazze, le sue vie e i suoi palazzi storici; attraverso mostre, performance, dibattiti, tavole rotonde, laboratori, musica e danza. Tra tutti gli eventi in programma, che occuperanno le giornate dal 2 al 5 aprile 2009, segnaliamo due iniziative che hanno per tema le “seconde generazioni“:

Venerdì 3 aprile con la promozione del Festival, dell’Università degli Studi Padova e di TRICKSTER – Rivista di Studi Interculturali, ci sarà a partire dalle ore 11 nella Sala Paladin (Comune di Padova) una tavola rotonda dal titolo “CROSS GENERATION“:

Le migrazioni, le nuove nascite e le trasformazioni della società italiana portano sempre più l’attenzione sulle cosiddette “seconde generazioni”. Se da un lato il termine è funzionale ai diversi discorsi, dall’altro è problematico. Include figli di migranti, di rifugiati o di coppie miste, persone nate in Italia o arrivate da giovanissime, individui con la cittadinanza italiana, con il permesso di soggiorno o senza: soggetti con storie di vita differenti, portatori di esperienze specifiche che li hanno messi in contatto con la diversità e la molteplicità. Può essere più appropriato fare riferimento al concetto di “cross generation”, generazioni-ponte fra due (o più) contesti culturali.

L’obiettivo non sarà tanto quello di giungere ad una chiara conclusione sul tema, ma piuttosto quello di stimolare una riflessione sulle molteplici sfaccettature che oggi compongono la società italiana. All’incontro prenderanno parte Annalisa Frisina (ricercatrice), Karim Metref (scrittore italo-algerino), Sumaya Abdel Kader (scrittirice italo-palestinese), Sandra Kyeremeh (dottoressa in Relazioni Internazionali), Enio Sartori (direttore rivista Trickster) e Gabriella Kuruvilla (scrittrice italo-indiana) con la moderazione di Devisri Nambiar e Sandra Agyei Kyeremeh.

Lo stesso tema e gli stessi ospiti saranno il focus, alle ore 18.00, di “CROSS GENERATION: Scritture in movimento – Incontro con l’autore” presso il Mel Book Store di Padova:

Parlare di cittadinanza con ricercatori e scrittori che hanno riflettuto sulle “cross generations”, che lo siano essi stessi o meno, è un modo per affrontare il tema da nuove prospettive, attraverso i punti di vista di individualità differenti, non tanto per giungere ad una chiara conclusione ma per invitare a riflettere sui sommovimenti della società italiana attuale. La domanda è allora per tutti noi: cosa significa dirsi italiani oggi? E come possiamo dire italiani coloro che ci sembrano sempre stranieri?

Per conoscere tutti gli altri eventi raccomandiamo caldamente la visita del sito www.festivaldellacittadinanza.it!

Grazie a Stefano Liboni per la foto!


“Come un uomo sulla terra” a Venezia

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri, venezia by Pamela Pasian on 16 marzo 2009

come-un-uomo-sulla-terra

Come un uomo sulla terra“, film documentario di Riccardo Biadene, Andrea Segre e Dagmawi Yimer, è una pellicola che vuole dar voce ai migranti raccontando il viaggio che molti di essi devono affrontare per raggiungere l’Italia. Attraverso questo lavoro gli autori hanno voluto, in particolar modo, denunciare le brutali modalità con cui la Libia controlla i flussi migratori, su richiesta e grazie ai finanziamenti italiani ed europei.

Il film, proiettato in varie città d’Italia, finalmente sbarca anche a Venezia. L’evento, organizzato dalla UOC iRaR (Interventi per Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Comune di Venezia in collaborazione con la UOC ETAM (Animazione di Comunità e Territorio), con l’Associazione ASINITAS, con il Centro Culturale Candiani e il Circuito Cinema, si terrà venerdì 20 marzo, alle 17.00, presso la Casa del Cinema — Videoteca Pasinetti — a Venezia e sabato 21 marzo, sempre alle 17.00, presso il Centro Culturale Candiani a Mestre.

Questa proiezione, a ingresso libero su prenotazione, è stata pensata come momento di sensibilizzazione e riflessione sui temi concernenti il diritto di asilo e i diritti di cittadinanza, con particolare attenzione ai percorsi di fuga di quanti cercano vie di speranza in Europa. Visitate il sito di “Come un uomo sulla terra“.

Grazie a fortresseurope per la foto.

Vulnerabilità e migrazioni forzate

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri, notizie, venezia by Pamela Pasian on 25 febbraio 2009

sogni dall'esilio di rinoplatania da Flickr (cc)

Vulnerablità e migrazioni forzate: i servizi psico-sociali rivolti a richiedenti e titolari di protezione Internazionale” è il titolo del seminario organizzato dal Servizio Pronto Intervento Sociale per Non Residenti, Unità Richiedenti Asilo e Rifugiati del Comune di Venezia, in collaborazione con l’Associazione VIVO (Victim’s Voice) e l’Università di Costanza.

Le migrazioni ed in particolar modo le migrazioni forzate costringono gli individui ad abbandonare la propria terra e i propri affetti in modo improvviso e radicale, causando così profondi traumi nelle persone che molto spesso durante l’esperienza migratoria subiscono violenze e torture.

Il seminario, che si terrà lunedì 2 marzo presso il Palaplip di Mestre con inizio alle ore 9.00, vuole essere un’occasione per riflettere sui traumi che i richiedenti protezione internazionale e i rifugiati hanno subìto, e sui percorsi e servizi che necessitano di essere implementati nel territorio per poter offrire un adeguato sostegno a queste persone. Per informazioni scrivere a: rifugiati@comune.venezia.it

Grazie a rinoplatania per la foto!!

Giornata Mondiale del Rifugiato

Posted in eventi e incontri, venezia by Redazione on 19 giugno 2008

Marta Gomez

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, ricorrente domani venerdì 20 giugno 2008, il Comune di Venezia organizza una serie di importanti incontri e appuntamenti, chiusa in bellezza dal concerto di Marta Gomez all’Auditorium Santa Margherita.

Questo il programma in sintesi:
ore 10, a Ca’ Farsetti (Municipio di Venezia), confronto tra giornalisti ed esperti del settore sul tema media, rifugiati e diritto d’asilo; partecipano Caroline Brothers dell’International Herald Tribune, Dietmar Polaczek, già corrispondente del Frankfuter Allgemeine Zeitung, il professor Asher Colombo dell’Università di Bologna e il professor Bruce Leimsidor dell’Università Cà Foscari di Venezia
ore 11, sempre a Ca’ Farsetti, incontro istituzionale di riflessione sul tema della promozione del diritto d’asilo, alla presenza del Sindaco Massimo Cacciari e dell’Assessore alle Politiche Sociali Sandro Simionato; partecipano, tra gli altri, Gino Strada di Emergency, la cantante Marta Gomez, il vice prefetto Antonino Gulletta e Rosanna Marcato, responsabile dell’iRaR (Servizio Pronto Intervento Sociale Non Residenti)
ore 21, all’Auditorium Santa Margherita, concerto di Marta Gomez (ingresso libero fino ad esaurimento posti).

All’interno dei festeggiamenti per la Giornata Mondiale del Rifugiato si inserisce anche la festa di domenica 22 giugno presso il Centro d’Accoglienza BOA (Forte Rossarol, Tessera), a partire dalle ore 16. I rifugiati ospiti del centro proporranno cibi, giochi, spettacoli e musiche.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina della Giornata Mondiale del Rifugiato nel sito del Comune di Venezia.

 

Commenti disabilitati su Giornata Mondiale del Rifugiato