Migranti a Venezia

Patrasso-Venezia: andata e ritorno passando per Strasburgo

Posted in diritto d'asilo, venezia by larafontani on 2 maggio 2009

foto di ▙G▚i▜A◼L▛L▞O▟ da Flickr (cc)

Una buona notizia, si fa per dire. La Corte europea dei diritti dell’uomo, organo che ha il compito di vigilare sulla corretta applicazione della Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo da parte degli Stati membri, ha ritenuto ammissibili i ricorsi presentati dai 35 cittadini afghani e sudanesi contro lo Stato italiano e greco (vedi articolo su meltingpot.org). Certo, questo non mette la parola fine alle continue violazioni dei diritti umani che sono costretti a subire i migranti, anche minori, alle porte delle nostre frontiere, una fra tutte proprio il vicino porto di Venezia (vedi nostro post sull’argomento).

Ma è proprio grazie al lavoro della rete di associazioni veneziane Tuttiidirittiumanipertutti che, almeno queste 35 persone, hanno potuto fare ricorso alla Corte Europea, contro il trattamento che hanno ricevuto sia alla frontiera italiana, che li ha immediatamente rispediti al mittente, senza nemmeno dar loro il tempo per fare istanza di asilo e senza nemmeno verificare l’età dei minori non accompaganti; sia alla frontiera greca, dove sono stati nuovamente sottoposti a detenzioni arbitrarie, violenze e vessazioni da parte degli organi di polizia.

La situazione è ormai arrivata all’atrofia, la polizia di frontiera non comunica più pubblicamente i quotidiani respingimenti dei migranti, potenziali richiedenti asilo e minori non accompagnati. Per fortuna, sono numerose le associazioni e le organizzazioni non governative ad alzare un coro contro queste gravissime violazioni. Da ricordare che, non più di due settimane fa, anche il Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, Thomas Hammarberg, ha depositato il suo rapporto sulle condizioni in Italia di migranti e richiedenti asilo, sollevando numerose critiche e moniti al governo italiano e alle autorità locali (vedi nostro post sull’argomento).

Per ora le autorità italiane e greche sono sotto inchiesta, e ci auguriamo che un tale “interessamento” europeo possa realmente cambiare le cose, questo significherebbe cambiare la sorte di centinaia di persone.

Grazie a ▙G▚i▜A◼L▛L▞O▟ per la foto.
Annunci

Commenti disabilitati su Patrasso-Venezia: andata e ritorno passando per Strasburgo

Il Rapporto Hammarberg

Posted in diritto d'asilo, notizie by larafontani on 20 aprile 2009

Thomas Hammarberg

Giovedì scorso, il 16 aprile, è stato pubblicato il rapporto di Thomas Hammarberg, Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, sull’Italia (è possibile leggere il comunicato stampa del Consiglio, in italiano, e il testo integrale del rapporto, in inglese). Il rapporto (il secondo in meno di un anno) fa seguito alla visita che il commissario ha fatto nel nostro Paese tra il 13 e il 15 gennaio 2009, per verificare il rispetto dei diritti umani nei confronti di migranti e minoranze. Per l’occasione, il commissario Hammarberg ha visitato personalmente i luoghi più critici, come il Cie di Lampedusa, e ascoltato rappresentanti sia del Governo che delle autorità locali, come anche persone delle organizzazioni non governative.

Il responso? «Deep concern», profonda preoccupazione: è questo l’esito dell’esame, soprattutto per quanto riguarda le condizioni dei migranti che arrivano in Italia senza documenti, trattenuti nei centri di identificazione ed espulsione, ma anche il trattamento di Rom e Sinti. Una grave violazione attestata è quella dei rimpatri forzati in Paesi nei quali è stata accertata la pratica strutturata della tortura. Oltre al centro di Lampeusa, esaminato nel rapporto, noi ricordiamo anche la situazione attuale al porto di Venezia, la frontiera del Nord-Est che non spicca certo per il rispetto dei diritti umani (vedi nostro post sull’argomento) e dove sono numerosi i respingimenti verso Paesi, come la Grecia, che impunemente calpestano i diritti di potenziali richiedenti asilo.

Nel rapporto non mancano critiche agli ultimi provvedimenti del governo. Nell’articolo di Repubblica.it si legge:

«La criminalizzazione dell’immigrazione irregolare è una misura sproporzionata che va oltre gli interessi legittimi di uno stato a tenere sotto controllo i propri confini, una misura che erode gli standard legali internazionali», spiega Hammarberg, avvertendo che una simile politica finisce per provocare «ulteriore stigmatizzazione ed emarginazione dei migranti, nonostante la maggioranza di questi contribuisca allo sviluppo degli stati e delle società europee». Pertanto rivolge la richiesta al governo di «rivedere le parti della nuova normativa che sollevano serie questioni di compatibilità con gli standard dei diritti umani».

Inoltre, come si legge su Corriere.it, il commissario Hammarberg afferma:

«d’essere particolarmente preoccupato dai resoconti che continuano a evidenziare una tendenza al razzismo e alla xenofobia, che occasionalmente sfocia in atti estremamente violenti, rivolti principalmente contro immigrati, Rom e Sinti o cittadini italiani con origini straniere, anche in ambito sportivo».

Staremo a vedere come il Governo recepirà — se recepirà — le indicazioni e gli ammonimenti giunti da Strasburgo.

“Come un uomo sulla terra”, un viaggio traumatico verso i diritti

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri by Daniela on 18 aprile 2009

foto di Andries3 su Flickr (cc)

«Dal 2003 Italia ed Europa chiedono alla Libia di fermare i migranti africani. Ma cosa fa realmente la polizia libica? Cosa subiscono migliaia di uomini e donne africane? Perché tutti fingono di non saperlo?»

Come un uomo sulla terra è documentario-denuncia coraggioso, tanto drammatico quanto reale che ci apre gli occhi sulle esperienze dei viaggi che i migranti africani fanno attraverso il deserto libico, prima di imbarcarsi nella speranza di arrivare nei porti dei cosiddetti Paesi civili. E sono proprio le voci dei i protagonisti di questi “viaggi” a raccontarci le loro esperienze e a mostrarci i segni che hanno sul loro corpo con occhi velati da cicatrici ben più profonde e indelebili. Ci raccontano storie di continue violazioni dei diritti umani in luoghi e Paesi dove i migranti vengono rinchiusi, affamati, spogliati di ogni dignità, picchiati, venduti e rivenduti come merce. Il loro è un percorso non così lineare come può sembrare, non viene da una decisione presa con leggerezza, ma è una fuga da condizioni di vita estreme.

Il consiglio è quello di guardare il documentario, di non fermarsi alle frammentate notizie che ci arrivano, ma di ascoltare anche altre voci — le loro — e  di scoprire che cosa passano tutte queste persone per raggiungere quelle condizioni di vita, quei diritti che agli occhi di noi “occidentali” sono semplicemente normali, talmente normali che la loro importanza perde ogni visibilità.

Il film sta girando da vari mesi in tutta Italia e non solo (è stato anche a Venezia il mese scorso). Chi fosse interessato a vederlo, può trovare il calendario delle proiezioni all’indirizzo http://comeunuomosullaterra.blogspot.com/2008/09/calendario-proiezioni.html

Photo by Andries3 on Flickr (Creative Commons): thanks!

Commenti disabilitati su “Come un uomo sulla terra”, un viaggio traumatico verso i diritti

Seminario sui Paesi di transito

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri, venezia by Pamela Pasian on 17 aprile 2009

"The Night Lights of Europe (as seen from space)" di woodleywonderworks (cc)

Il Servizio Pronto Intervento Sociale per Non Residenti – UOC Richiedenti Asilo e Rifugiati (iRaR) del Comune di Venezia propone un nuovo momento di formazione: “I Paesi di transito: responsabilità italiana, europea e locale” è il titolo del seminario che avrà luogo a Mestre in via S. Pio X n°4, il prossimo martedì 21 aprile alle ore 9.30.

Le migrazioni investono la comunità internazionale di precise responsabilità, responsabilità che devono essere assunte sia a livello macro che a livello micro. Il seminario si propone quindi di analizzare cosa sta realmente accadendo in Libia, Grecia e Turchia, per poter così verificare se quanto previsto dalla normativa internazionale viene applicato.

Interverranno il Prof. Bruce Leimsidor, docente dell’Università Ca’ Foscari, assistito da Hamza Bahri, giornalista algerino e studente del MIM (Master Immigrazione, fenomeni migratori e trasformazioni sociali) della stessa Università.

The picture above is by woodleywonderworks (Creative Commons license on Flickr): thanks!

Commenti disabilitati su Seminario sui Paesi di transito

Da Kabul a Venezia facciamo correre i pensieri

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 19 marzo 2009

foto di motumboe da Flickr (cc)

Una settimana di corso pratico per far volare gli aquiloni e prepararsi ai festeggiamenti del capodanno afghano. Poteva esserci idea migliore?

La celebrazione dell’anno nuovo, in coincidenza col solstizio di primavera, è considerata un’antica tradizione zoroastriana, ma in realtà le sue origini paiono risalire ad un’epoca più antica. Già 5000 anni fa, infatti, sembra fosse tradizione tra le genti dell’Iran e del Khorasan Bozorg, attuale Afghanistan, celebrare questa festa, legata principalmente ai cicli naturali, identificando l’inizio dell’anno con il risveglio della natura e la ripresa dei cicli agricoli.

Nauruz (capodanno afghano) non è solo la più importante festa dell’anno, ma è il simbolo per eccellenza della rinascita e della speranza; la stessa speranza che si nasconde dietro i progetti migratori di tanti giovani afghani in fuga dalla guerra e in cerca di un futuro migliore e di Pace nella “Terra dei Diritti Umani”.

Organizzato dal Progetto Piano Locale Giovani in collaborazione con la Rete Tuttiidirittiumanipertutti, l’Associazione Culturale degli Afghani in Italia (sede di Venezia), il Servizio Centrale del Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati-Anci e la Comunità degli Artisti Afghani in Italia; “Da Kabul a Venezia facciamo correre i pensieri” è un evento che ha proposto, a partire dal 15 marzo, sette pomeriggi: dalle ore 15.00 alle 18.00, rivolti a tutti coloro che vogliono sperimentare e condividere l’arte della costruzione degli aquiloni. Questi i prossimi incontri:

  • giovedì 19 marzo in Piazza Ferretto – Mestre / Campo San Polo – Venezia
  • venerdì 20 marzo in Piazza Ferretto – Mestre / Campo San Giacomo dell’Orio – Venezia
  • sabato 21 marzo in Piazza Ferretto – Mestre / Piazza San Marco – Venezia

Per il festeggiamento vero e proprio del Nouroz 1388, l’appuntamento invece è a Marghera, al Fucina Controvento  domenica 22 marzo alle ore 16.00, con il concerto della star afghana Dawood Sarkosh e un volo di 1000 aquiloni colorati costruiti a mano dai ragazzi della Comunità Afgana di Venezia. Guarda il volantino!

Grazie a motumboe per la foto!

L’approccio terapeutico NET oggetto del Seminario “Vulnerabilità e migrazioni forzate”

Posted in diritto d'asilo, eventi e incontri, venezia by Pamela Pasian on 13 marzo 2009

foto di Thomas Klann da Flickr (cc)

Lunedì 2 marzo presso il Palaplip di Mestre si è tenuto il seminario “Vulnerabilità e migrazioni forzate: i servizi psico-sociali rivolti a richiedenti e titolari di protezione internazionale”.
Alla conferenza sono intervenute la Dott.ssa Claudia Catani, psicologa e psicoterapeuta dell’Università di Bielefeld e la Dott.ssa Elisa Danese, psicologa e dottoranda di ricerca presso l’Università di Costanza, entrambe appartenenti all’Associazione VIVO (Victim’s Voice).

Il seminario voleva essere un’occasione per riflettere sulle pratiche di orientamento, accoglienza e aiuto ai richiedenti asilo e rifugiati, vittime di violenze e torture; in special modo si è discusso di un particolare tipo di approccio terapeutico adottabile con persone che manifestano un PTSD (Disturbo da Stress Post-Traumatico).
Il PTSD può essere definito come una condizione debilitante conseguente ad un evento terrificante; questo può essere provocato dalla minaccia alla vita della persona stessa, di un familiare o dall’essere stato testimone di atti di violenza. Il post-trauma si manifesta in svariati modi: sotto forma di incubi, insonnia, depressione, sentimenti di distacco o pietrificazione.

L’approccio terapeutico di cui si è discusso e che è adottato da VIVO prende il nome di NET (Terapia dell’Esposizione Narrativa).
La maggioranza delle persone sopravvissute alla violenza organizzata evita di parlare di quello che gli è successo. Questa tendenza a rimanere in silenzio impedisce l’elaborazione emozionale degli eventi ed ostacola inoltre la lotta contro le violazioni dei diritti umani e la persecuzione dei responsabili di atti di tortura e genocidio.
La NET si basa su una procedura definita “Testimony Therapy” (sviluppata da Lira e Weinstein in Cile) in combinazione con delle tecniche di esposizione cognitiva-comportamentale. Il paziente, vittima o testimone di gravi violazioni dei diritti umani, in collaborazione con il terapeuta, può ristabilire i ricordi autobiografici delle esperienze vissute. In questo modo le memorie frammentarie vengono trasformate in una coerente struttura narrativa: una testimonianza. Questa pratica rende possibile l’elaborazione delle emozioni dolorose e permette di far ritrovare al paziente una consapevolezza nell’affrontare la vita che  solitamente porta ad un significativo recupero emozionale.

Alcuni psicologi e psicoterapeuti presenti al Seminario hanno fatto notare come quest’approccio sia uno tra i tanti; appare in ogni caso interessante sottolineare come, anche in questo settore, il continuare a fare ricerca giochi un ruolo determinante per la tutela psicofisica degli individui.
Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento si consiglia di visitare il sito  www.vivo.org

Thanks to Thomas Klann for the picture!

Commenti disabilitati su L’approccio terapeutico NET oggetto del Seminario “Vulnerabilità e migrazioni forzate”

Il virus del razzismo

Posted in eventi e incontri by Sarah on 9 marzo 2009

Solo dopo le votazioni della Camera sapremo se verrà approvato o meno l’ormai noto “pacchetto sicurezza”, il Ddl 733.

Fra i vari emendamenti ce n’è uno che ha scatenato numerose polemiche: è quello che prevede la soppressione dell’art. 35 del Testo Unico sull’immigrazione, che dispone il divieto di segnalazione dei migranti irregolari da parte del personale medico ed ospedaliero.

L’intera categoria medica e gran parte dei cittadini si stanno mobilitando affinché questo decreto non venga approvato anche alla Camera. Molte sono le iniziative per sensibilizzare la popolazione al riguardo; fra queste, vi segnaliamo:

DIRITTO ALLA SALUTE — IL VIRUS DEL RAZZISMO
Padova, mercoledì 11 marzo 2009, ore 21.00

presso la sede dell’Ass.ne Razzismo Stop
in via Gradenigo 8, quartiere Portello

L’incontro è promosso da RIGHTS NOW – DIRITTI ORA, sportello di consulenza per migranti con sede a Padova.

Interverranno come ospiti:

  • l’Avv. Marco Paggi — Progetto Melting Pot Europa
  • il Dott. Carlo Belloni — Medici Senza Frontiere, Italia
  • l’Avv. Mila Misciadri — Emergency, Padova
  • Sara Ferrari — Caritas Diocesana, Padova
Thanks to oceanoaloha for the picture!

Commenti disabilitati su Il virus del razzismo

Appello al divieto di segnalazione

Posted in notizie by Redazione on 2 febbraio 2009

Medici Senza Frontiere (MSF), Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI), Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM) e Osservatorio Italiano sulla Salute Globale (OISG) lanciano un appello per chiedere ai Senatori di respingere l’emendamento che elimina il principio di non segnalazione alle autorità per gli immigrati irregolari che si rivolgono a una struttura sanitaria.

L’attuale Testo Unico sull’Immigrazione (Decreto Legislativo 286 del 1998) prevede che «l’accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all’autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano».

Il rischio di essere segnalato creerebbe nell’immigrato privo di permesso di soggiorno e bisognoso di cure mediche una reazione di paura e diffidenza, in grado di ostacolarne l’accesso alle strutture sanitarie. Ciò potrebbe creare condizioni di salute particolarmente gravi per gli stranieri – con aumenti dei costi legati alla necessità di interventi più complessi e prolungati – e ripercussioni sulla salute collettiva – con il rischio di diffusione di eventuali focolai di malattie trasmissibili.

La cancellazione del principio di non segnalazione vanificherebbe inoltre un’impostazione che nei 13 anni di applicazione (il principio è presente nell’ordinamento italiano già dal 1995) ha prodotto importanti successi nella tutela sanitaria degli stranieri: riduzione dei tassi di Aids, stabilizzazione di quelli relativi alla Tubercolosi, riduzione degli esiti sfavorevoli negli indicatori materno-infantili (basso peso alla nascita, mortalità perinatale e neonatale…).

MSF, SIMM, ASGI e OISG invitano la società civile a sottoscrivere l’appello ai Senatori (…).

Diritti umani

Posted in eventi e incontri by Redazione on 2 dicembre 2008

convegnodirittiumani

In occasione della Giornata internazionale dei diritti umani si svolgerà nell’Aula Magna del Palazzo del Bo di Padova, mercoledì 10 dicembre 2008, a partire dalle 9.30, il convegno “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Promuovere e realizzare i diritti umani, impegno permanente.

L’evento, che celebra il 60° anniversario dalla proclamazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, è promosso dall’Assessorato alle Relazioni Internazionali, Cooperazione allo Sviluppo, Diritti Umani e Pari Opportunità della Regione del Veneto in collaborazione con il Centro Interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell’Università di Padova.

Per saperne di più e scaricare il programma della giornata, vai qui.

Commenti disabilitati su Diritti umani