Migranti a Venezia

La violenza sugli inermi: convegno

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 19 maggio 2009

foto di gordonr da Flickr (cc)

Segnaliamo il convegno internazionale di studi: “LA VIOLENZA SUGLI INERMI: La Trasformazione dei Conflitti dalla Grande Guerra a oggi” promosso dal Dipartimento di Studi Storici dell’Università Ca’ Foscari, che si terrà venerdì 22 maggio in aula grande Malcanton Marcorà dalle ore 10.30 alle ore 18.30. In preparazione a questo evento è stato organizzato sullo stessa tema il cineforum che si è svolto nei giorni scorsi presso la Palazzina Briati che abbiamo già segnalato (vedi post).

Il convegno è suddiviso in due sessioni: una mattutina, dalle 10.00 alle 13.30, e una pomeridiana, dalle 14.30 alle 18.30, presiedute rispettivamente da Michele Cangiani e Bruna Bianchi entrambi docenti dell’Università Ca’ Foscari. Ecco la successione degli interventi con i rispettivi temi:

I SESSIONE:

Bruna Bianchi (Università Ca’ Foscari): I civili nella spirale della guerra totale (1914-1919)

Michele Cangiani (Università Ca’ Foscari): Guerre esterne e guerre civili

Claudia Baldoli (Newcastle University): I bombardamenti sull’Italia nella Seconda Guerra Mondiale: il dibattito alleato e la propaganda ai civili

Luisa Chiodi — Andrea Rossini (Osservatorio Balcani e Caucaso, Trento): La guerra in Europa: la Bosnia-Erzegovina 1992-1995

Lauso Zagato (Università Ca’ Foscari): Il trattamento dei civili nel diritto umanitario

II SESSIONE:

Anna Maria Gentili (Università di Bologna): Dal Kenya negli anni 50 alla Somalia del XXI secolo: guerre sporche e vittime dimenticate

Osamu Nishitani (Tokyo University of Foreign Studies): ‘War on Terror’: les implications d’un terme pervers

Francesca Coin (Università Ca’ Foscari): Quando la guerra torna a casa: la “war on terror” nelle testimonianze dei militari americani

Raya Cohen (Università degli studi di Napoli “L’Orientale”): Gaza. La legittimazione della guerra ai civili?

Alessandra Annoni: Il diritto delle occupazioni, con particolare riferimento alla situazione nei territori occupati.

Per informazioni contattare Lisa Cardin allo 0412349809. Guarda la locandina.

Grazie a gordonr per la foto.
Annunci

Commenti disabilitati su La violenza sugli inermi: convegno

Genera/Azioni: secondo seminario

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 11 maggio 2009

foto di archifield da Flickr (cc)

E’ previsto per il pomeriggio di domani, 12 maggio, il secondo seminario promosso dal Servizio Immigrazione nell’ambito del progetto Genera/Azioni (vedi nostro post precedente) dal titolo “Seconde generazioni: azioni innovative e comunicazione“.

Dalle 15 alle 19 presso la Sala Sistina del Laurentianum, (in Piazza Ferretto a Mestre) si susseguiranno gli interventi di Laura Castellani che parlerà del progetto Mentoring e degli interventi peer-to-peer, Maurizio Busacca che offrirà degli spunti di riflessione sulle esperienze dei laboratori creativi e di comunicazione e di Marta Anselmi e Alessandra Bastasin che parleranno di laboratori innovativi e prevenzione, in particolare dell’esperienza di un laboratorio di sartoria creativa.

Con la conduzione di Gianfranco Bonesso (Responsabile del Servizio Immigrazione del Comune di Venezia) seguirà un dibattito. L’incontro è aperto a tutti, è gradita la conferma via mail al seguente indirizzo: cittadinistranieri@comune.venezia.it

Grazie a archifield per la foto!

Commenti disabilitati su Genera/Azioni: secondo seminario

Genera/Azioni

Posted in eventi e incontri, notizie, venezia by enricabordignon on 4 maggio 2009

foto di [Haring] da Flickr (cc)

Segnaliamo che nel pomeriggio di domani, martedì 5 maggio, si terrà il seminario “Seconde generazioni: momenti e strumenti di conoscenza”.

Con la conduzione di Gianfranco Bonesso (Responsabile del Servizio Immigrazione del Comune di Venezia) interverranno: Marvi Maroni del Progetto Riflessi (Genitorialità), che parlerà dello strumento dei Focus e della ricerca sui giovani di seconda generazione; Annalisa Frisina, che parlerà del Photovoice come strumento di conoscenza e intervento; infine, interverrà Margherita Brondino rispetto all’utilizzo dello strumento del Teatro-Forum al fine della ricerca e della conoscenza. Seguirà un dibattito. Questo seminario sarà il primo di tre incontri sulle seconde generazioni organizzati dal Servizio Immigrazione nell’ambito del progetto Genera/Azioni

L’appuntamento è a Mestre, alla Sala Sistina del Laurentianum (in Piazza Ferretto), dalle 15.00 alle 19.00. Si prega di confermare la propria presenza all’indirizzo mail: cittadinistranieri@comune.venezia.it.

Grazie a [Haring] per la foto!

La violenza sugli inermi: rassegna cinematografica

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 30 aprile 2009

foto di pierofix da Flickr (cc)

Segnaliamo un’interessante rassegna cinematografica che va a introdurre il convegno internazionale di studi: “La violenza sugli inermi. La trasformazione dei conflitti dalla Grande Guerra a oggi“, che si terrà in Aula Grande Conferenze, Palazzo Malcanton Marcorà, Venerdì 22 Maggio 2009.

La rassegna che si terrà presso l’aula B2 di Palazzina Briati (Fondamenta Briati, Dorsoduro, 2530, Venezia) propone tre film diversi tra loro, ambientati in tre luoghi diversi del mondo, ma legati dallo stesso tema: la violenza sugli inermi.

Giovedì 7 Maggio, ore 17.15
Germania anno zero (1948) di Roberto Rossellini. Con Edmund Moeschke, Ingetraud Hinze, Franz-Otto Krüger, Ernst Pittschau, Erich Gühne, Karl Krüger, Alexandra Manys, Babsi Schultz-Reckewell, Franz von Treuberg, Hans Sangen. Prodotto in Francia, Germania, Italia. Durata: 78 minuti.

Giovedì 14 Maggio, ore 17.15
Il Segreto di Esma (2006) di Jasmila Zbanic. Con Mirjana Karanovic, Luna Mijovic, Leon Lucev. Titolo originale Grbavica. Prodotto in Bosnia-Herzegovina. Durata 90 minuti.

Giovedì 21 Maggio, ore 17.15
Redacted (2007) di Brian De Palma. Con Kel O’Neill, Ty Jones, Daniel Stewart Sherman, Izzy Diaz, Rob Devaney, Patrick Carroll, Mike Figueroa, Paul O’Brien, Francois Caillaud. Prodotto in USA. Durata: 90 minuti.

Alle proiezioni seguirà un dibattito, guarda la locandina!

Grazie a pierofix per la foto.

Italiano può non significare essere bianco e non velato

Posted in eventi e incontri by enricabordignon on 7 aprile 2009

foto di ferdart da Flickr (cc)

Il termine “seconde generazioni” è nato nel contesto americano degli anni ’20 a cura della corrente sociologica denominata “Scuola di Chicago”. Oggi questo termine, benché molto diffuso ed utilizzato, risulta più che mai inadeguato e non condiviso. Sono troppe le variabili (giovani figli di coppie miste, ragazzi nati in Italia, ragazzi arrivati in età prescolare ecc…) perché possano incastrarsi con successo in questa definizione!

La tavola rotonda, proposta all’interno del Festival della Cittadinanza di Padova (vedi nostro post), vede  in questo dibattito la sua introduzione: Devisri Nambiar e Sandra Agyli Kyeremeh, le due moderatrici, affrontano il problema di una definizione condivisa che prenda le distanze dai tecnicismi di Rumbaut (che propone una visione “decimale” delle “seconde generazioni” dividendole in generazione 1,5 generazione 1.25 e 1,75) e dalle eccessive generalizzazioni. Una delle proposte che più convincono le relatrici è il termine “cross generation” (che dà il titolo all’incontro) che vuole significare generazioni ponte tra la cultura italiana in cui vivono quotidianamente e la cultura di origine della loro famiglia. Gli interventi che si sono susseguiti sono stati a più livelli e a cura di esperti provenienti da esperienze differenti. Il primo, dello  scrittore italo-algerino Karim Metref, ha introdotto la questione usando una metafora tutta italiana per ribadire che ciascuno di noi dovrebbe avere il diritto e il dovere di “non far parte di nessuna comunità per far parte di ogni comunità”. Ognuno di noi, continua Metref, “dovrebbe avere la libertà di non scegliere con chi stare e, allo stesso tempo, dovrebbe avere la libertà di essere contro la propria comunità”. Sumaya Abdel Qader (autrice del libro “Porto il velo, adoro i Queen“) ha posto, con il suo intervento, l’attenzione su ciò che ci si aspetta dalle “seconde generazioni”: “ci si aspetta decisamente troppo a differenza dei coetanei italiani, ci si aspetta che questi ragazzi siano in grado di risolvere i conflitti tra culture quando si dovrebbe dar loro  innanzitutto la serenità che significa non incastrarli necessariamente in caselle, e non trattarli come problemi“. Di fronte a tanti casi di vergogna delle proprie origine e della propria lingua, Qader ha ribadito la necessità di offrire loro una formazione che li riavvicini alla propria cultura. L’intervento della scrittrice italo-indiana Gabriella Kuruvilla si è concentrato sulle “seconde generazioni” nel modo del marketing, sui pregiudizi e gli stereotipi (negativi e positivi) che li coinvolgono. Con ironia, ha fatto riflettere sulla visione che si ha dei figli delle coppie miste che appaiono, rispetto all’allure che circonda le “seconde generazioni”, come annacquati! Kuruvilla ha inoltre aggiunto come il ruolo dato ai giovani di “seconda generazioni” li porti ad essere degli equilibristi su quello che, spesso, al posto di un ponte, risulta essere un filo tra due culture, sempre in procinto di spezzarsi. In finale, l”intervento di Annalisa Frisina si  è concentrato sulla libertà culturale e religiosa in Italia e sulle pari opportunità tra giovani italiani e giovani di “seconda generazione”. La libertà culturale e religiosa, si esprime anche nella libertà che le “seconde generazioni” dovrebbero avere nell’autodefinirsi. Le categorie che oggi abbiamo a disposizione, ha continuato Frisina, rischiano di essere escludenti e inferiorizzanti: “essere italiano oggi si è arricchito di nuovi significati che non devono più essere dati per scontati: italiano può non significare necessariamente essere bianco e non velato“. Pari opportunità per i giovani di “seconda generazione” significa innanzitutto non partire svantaggiati a causa dell’aspetto o di un documento, significa avere lo stesso accesso degli altri alle risorse disponibili.

Questo dibattito ha (efficacemente) voluto richiamare l’attenzione sulla necessità di un cambiamento a livello legislativo: la legge n. 91 del 1992, che attualmente disciplina l’acquisizione della cittadinanza italiana, lascia la maggioranza delle “seconde generazioni” in un limbo giuridico. Quello legislativo non rimane comunque l’unico problema: in Veneto, un neonato su 5 è figlio di immigrati (dato del Dossier Statistico Caritas Migrantes) che, nonostante risulti essere a tutti gli effetti italiano, sarà percepito come straniero. Questo confronto ha voluto ricordare la pericolosità di etichette e di catalogazioni, che spesso colpiscono anche la libertà culturale dei giovani italiani, per far riflettere infine sulla qualità del ruolo che la società ha affibbiato alle seconde generazioni“, che spesso si ritrovano “parlati” prima di poter realmente parlare!

Vi invitiamo a visitare l’ultimo numero della rivista on line Trickster dedicata proprio a questo argomento!

Grazie a ferdart per la foto!

Commenti disabilitati su Italiano può non significare essere bianco e non velato

Militarizzazione delle politiche migratorie e il movimento di lotta degli immigrati degli Stati Uniti

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 2 aprile 2009

foto di Al Jordan da Flickr (cc)

La militarizzazione delle politiche migratorie e il movimento di lotta degli immigrati negli Stati Uniti sono i titoli di due seminari del Master sull’Immigrazione di Venezia, entrambi posticipati (vedi nostro post) il primo a domani venerdì 3 aprile dalle ore 14.30 alle ore 18.30 (presso l’Istituto Canossiano) e il secondo a sabato 4 aprile dalle ore 9.00 alle ore 13.00 (a San Sebastiano, Aula Padoan). I due seminari, tenuti dal prof. Justin Akers Chacon della University of San Diego della California, sono eccezionalmente aperti al pubblico. La motivazione la spiega il prof. Pietro Basso (Coordinatore del Master sull’Immigrazione):

“Le occasioni di un reale approfondimento critico sulle tematiche della globalizzazione finanziaria degli ultimi decenni e sulle devastanti conseguenze sociali (ed ecologiche) che essa sta provocando con la crisi che ha generato, sono rarissime, se non inesistenti (purtroppo). E’ per questo che il Master sull’immigrazione ha ritenuto di dover aprire alle persone effettivamente interessate alcuni momenti della sua attività. Tale apertura ha avuto una risposta positiva in occasione degli eccellenti seminari tenuti dai professori Callinicos e Chesnais, reali occasioni di apprendimento e di dibattito. Ancora una volta oggi, con le centinaia di emigranti morti al largo della Sicilia, possiamo toccare con mano (se lo vogliamo) le tragiche conseguenze della militarizzazione delle politiche migratorie in atto da tempo anche in Europa e in Italia, che prepara processi ben più ampi di “militarizzazionedelle politiche sociali. Un corso degli avvenimenti dinanzi al quale non si dovrebbe, credo, restare passivi e indifferenti.”.

Segnaliamo inoltre che il prof. Justin Akers Chacon è autore insieme a Mike Davis del libro: “No One is Illegal. Fighting Racism and State Violence on the U.S.-Mexico Border“, Haymarket, Chicago, 2006.

Grazie ad Al Jordan per la foto!

Commenti disabilitati su Militarizzazione delle politiche migratorie e il movimento di lotta degli immigrati degli Stati Uniti

Uno sguardo sui diritti delle donne

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 19 marzo 2009

foto di αναρχία "Caterina Bonori" da Flickr (cc)

Venerdì 20 marzo presso la sede Ca’ Foscari BAUM (Palazzo Malcanton Marcorà, Dorsoduro 3484/D, Venezia), è previsto un incontro dibattito dal titolo: “Tradizioni, innovazioni, paradossi. Uno sguardo sui diritti delle donne nel Nord Africa a partire dall’Algeria“.

Dalle ore 16.30 verrà proiettato un documentario dal titolo “Il tutore della Signora Ministro” (Djamila Amzal, 2004) con a seguire gli interventi di Lucia Sorbera (studiosa di storia delle donne nei paesi arabi) e della regista Djamila Amzal. Previsto anche un dibattito con il pubblico introdotto da Oumaima Daoud (studentessa universitaria), Katiba Medelli (mediatrice linguistico culturale) e Sabiha Sfaxi (casalinga e mamma a tempo pieno).

Questo evento, promosso dal Comune di VeneziaCentro Donna Multiculturale / Servizio Cittadinanza delle donne e culture delle differenze — è organizzato in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari — Master Mediazione Intermediterranea — ed è stato pensato in preparazione al Convegno MeriforAlgeria Oggi” previsto per il 23 e 24 marzo 2009 presso l’Auditorium Santa Margherita di Venezia.

Grazie a αναρχία "Caterina Bonori" per la foto!

Commenti disabilitati su Uno sguardo sui diritti delle donne

Immigrati e domanda di città

Posted in eventi e incontri, venezia by enricabordignon on 18 marzo 2009

"banksy in new orleans" di artbymags da Flickr (cc)

Cattedra UnescoInclusione sociale e spaziale degli immigrati: politiche e pratiche urbane – organizza in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia – Dipartimento di Pianificazione, un convegno intitolato:  “Immigrati e domanda di città”.

Il programma, davvero denso, si articolerà nella giornata di domani giovedì 19 marzo e di venerdì 20 marzo. Gli interventi a cura di numerosi esperti internazionali (vi invitiamo a leggere il volantino) ruoteranno attorno a questi temi: l’accesso alla casa, l’accesso ai servizi (in particolare segnaliamo l’intervento di Gianfranco Bonesso, direttore del Servizio Immigrazione del Comune di Venezia, dal titolo “Migranti in città: l’accesso ai diritti/doveri di cittadinanza e ai servizi per tutti i cittadini“), l’accesso alla sicurezza e l’accesso allo spazio pubblico. A seguire tavola rotonda e dibattito con gli esperti.

La sede del convegno è: Palazzo Badoer, San Polo 2468, Venezia. Gli orari: giovedì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.00, venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 16.00.

Grazie a artbymags per la foto e ovviamente grazie a banksy!

Commenti disabilitati su Immigrati e domanda di città

Il dibattito continua: SALUTE E POPOLAZIONI MIGRANTI

Posted in eventi e incontri by enricabordignon on 26 febbraio 2009

foto di paolo màrgari da Flickr (cc)

Il dibattito continua, questa volta a Treviso, con un convegno dal titolo: SALUTE E POPOLAZIONI MIGRANTI che si terrà sabato 28 febbraio, dalle 9.00 alle 13.00.

Promosso dall’Accademia Medico Giuridica delle Venezie Onlus, dal Coordinamento Cittadinanza Attiva della Marca Trevigiana e con il Patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Treviso, il convegno vuole approfondire la problematica del rapporto tra immigrazione e salute con particolare riferimento alla situazione attuale, attraverso il punto di vista degli immigrati e interventi in tema di tutela della salute, mediazione linguistico-culturale negli ospedali, servizi offerti dalle ULSS, ruolo dei medici, infortuni sul lavoro e malattie professionali. Per concludere, una tavola rotonda con dibattito sul tema, salute diritto non negoziabile.

La sede del convegno è l’Auditorium Santa Croce Umanesimo Latino in Piazza dell’Università a Treviso. Per il programma dettagliato con i nomi di tutti i relatori e promotori del convegno ecco il depliant, per informazioni contattate l’Associazione I Care Onlus:  0422 435622, 348 1504530, info@icaretreviso.org

Grazie a paolo màrgari per la foto!