Migranti a Venezia

Giornalisti contro il razzismo

Posted in eventi e incontri by francescavecchiato on 27 marzo 2009

"Addio all'ultimo giornalista" by -Alina- on Flickr

Attraverso il linguaggio  che usiamo passa anche la concezione del mondo che abbiamo; quindi, le parole sono importanti veicoli di significato e metafore del mondo. Questo è un aspetto molto importante da tenere in considerazione per chi fa informazione; proprio per questo alcuni giornalisti hanno lanciato un’interessante iniziativa di discussione e responsabilizzazione sull’uso di determinate parole.

L’ambizioso obiettivo che si prefiggono è quello (come recita il testo del loro appello) di Mettere al bando la parola clandestino (e non solo) come primo passo per contrastare la deriva di “informazione distorta e xenofoba” a cui assistiamo quotidianamente e creare così un linguaggio corretto e rispettoso di tutti. Questo appello segue e prende spunto dal successo di un appello precedentemente lanciato sul Rispetto da parte dei media del popolo rom.

Riportiamo direttamente dal testo dell’appello:

Siamo consapevoli che le distorsioni dell’informazione e il “ruolo attivo” spesso svolto dai media del fomentare diffidenza, xenofobia e razzismo non si esaurisce nell’uso inappropriato e stigmatizzante delle parole. L’enfasi attribuita a episodi di cronaca riguardanti rom, migranti e in genere “l’altro”; la “etnicizzazione” dei reati e delle notizie; la drammatizzazione e criminalizzazione dei fenomeni migratori; l’uso di metafore discriminanti: sono tutti elementi che contribuiscono a creare un’informazione distorta e xenofoba. Sono tutti temi che vorremmo affrontare.

I cittadini che volessero contribuire possono farlo segnalando episodi di cattiva informazione sui migranti, simili a quelli stigmatizzati nell’appello che ha dato il via alla campagna “affinché le redazioni degli organi di informazione non siano soggette solamente alla pressione che arriva dall’alto dei poteri politici, ma anche alla pressione democratica che la società civile è in grado di esercitare dal basso”. Basta compilare il modulo di segnalazione.

L’adesione ad entrambi è aperta a tutti, in particolare a coloro che fanno informazione (su web, radio, televisione o stampa) e che decidono così di impegnarsi non solo formalmente ma anche concretamente a non usare più questi termini ed a partecipare ad una discussione pubblica sulle parole utilizzate dai media e sui criteri di selezione e trattamento delle notizie.

Qui potete trovare l’interessante glossario-vademecum che elenca le parole da mettere “al bando”, illustrandone le ragioni, e propone delle alternative lessicali ritenute più appropriate (ad esempio, “senza documenti” — analogo al francese sans papiers — in luogo di “clandestino”).

Questi i promotori:

Lorenzo Guadagnucci, giornalista Firenze (quotidiano); Carlo Gubitosa, giornalista Taranto (web); Beatrice Montini, giornalista Firenze (quotidiano); Zenone Sovilla, giornalista Trento (quotidiano)

Hanno aderito recentemente tra gli altri, l’Ordine dell’Emilia Romagna e la trasmissione di RadioDue Caterpillar. Anche il nostro blog ha aderito all’appello.

Grazie ad -Alina- per la foto!
Annunci

Donne senza confini

Posted in eventi e incontri, venezia by larafontani on 23 marzo 2009

foto di ST33VO da Flickr (cc)

È partita la IV Edizione del Concorso per videoproduzioni “Venice & Video“, Concorso di cortometraggi che si prefigge di raccontare la città di Venezia (isole incluse) con immagini e storie lontane da visioni stereotipate:

Venice&Video nasce dal desiderio di raccontare, attraverso la creatività di giovani artisti, una diversa dimensione della Città in tutti i suoi diversi aspetti.

A partire da questa Edizione “Venice & Video” si rinnova e propone una tematica specifica: quest’anno l’attenzione è centrata sulla multiculturalità declinata al femminile, il titolo della IV Edizione è infatti “Donne senza confini“:

Conoscere, quindi, in un’ottica di genere, le culture “altre”, scoprire quale ruolo hanno le donne in quelle culture e quali rapporti nascono quando sono proiettati in paese stranieri e soprattutto capire come la Città e la terraferma si rapportano con le culture altre.

Il Concorso è aperto a tutti i videomaker non professionisti al di sotto dei 35 anni di età. La partecipazione è gratuita. La domanda di partecipazione deve pervenire entro il 20 aprile 2009, presso la segreteria di SHYLOCK Centro Universitario Teatrale di Venezia. I lavori pervenuti saranno valutati da un’apposita giuria, e saranno presentati giovedì 28 maggio 2009 nel corso della premiazione che avrà luogo presso il Teatro ai Frari di Venezia. Il vincitore riceverà un premio di €.700,00. Il Concorso è organizzato da Cinit-Cineforum Italiano in collaborazione con il Centro Donna del Comune di Venezia e da ShylockCentro Universitario Teatrale di Venezia. Shylock-CUT è un’associazione fondata nel 1999 per volontà di alcuni membri del precedente C.U.T., attivo dal 1991 al 1998. L’ associazione promuove e organizza attività di ricerca, produzione e formazione nel settore dello spettacolo. Tra le tante e ricche attività di ricerca in corso vi è il progetto “Immigrazione e confronto interculturale a Venezia“, (guarda il nostro post su questa notizia), realizzato in collaborazione con il Master sull’Immigrazione-Fenomeni migratori e trasformazioni sociali dell’Università Ca’ Foscari . Il bando del video concorso si può scaricare dal sito di Shylock.

Grazie a ST33VO per la foto!

Commenti disabilitati su Donne senza confini

Bando rimborso affitto

Posted in notizie, venezia by Daniela on 31 gennaio 2009

2396412787_28a5dfb10f_b

E’ uscito il bando relativo ai rimborsi spese per l’ affitto nell’ anno 2007.

Può chiederlo solo chi ha un contratto d’ affitto scritto e registrato.

E’ rivolto a famiglie e singoli a basso reddito e che abbiano almeno 5 anni di residenza in Veneto o 10 anni di residenza nel territorio italiano.

Il bando scade il 27 Febbraio 2009.

Tutte le informazioni necessarie si possono trovare nel sito del Comune di Venezia

(Thanks to funadium for the picture!)

Commenti disabilitati su Bando rimborso affitto