Migranti a Venezia

Padox sbarcati con successo!

Posted in eventi e incontri, venezia by Redazione on 19 febbraio 2009

Come annunciato in un post di qualche settimana fa, questi giorni di Carnevale hanno visto l’arrivo, a Venezia, di un’insolita compagine di personaggi dal grosso testone e col cappotto fuori moda. Se li avete visti girare per le calli vi sarete chiesti: chi sono costoro? Da dove vengono? Cosa ci fanno qui?

Margherita Piantini di Gemmes et Compagnie (Parigi) ci racconta com’è stato l’arrivo in Laguna dei Padox.


Buongiorno a tutti,

I Padox, dopo un viaggio lungo e faticoso sono infine sbarcati a Venezia e sono attualmente graditi ospiti, come previsto, del magnifico Palazzo Cavagnis presso Santa Maria Formosa.
Afgani, Kossovari, Albanesi, Ucraini, un Marocchino e una Kirghizistanese amichevolmente riuniti insieme a giovani italiani universitari e professionisti, liceali del
Foscarini e del Benedetti di Venezia e gli artisti francesi di Compagnie D.Houdart – J.Heuclin e di Gemmes et Compagnie.

Il gruppo si è incontrato ieri per la prima volta tra l’emozione, la curiosità e un po’ d’imbarazzo, presto superato dalla simpatia semplice e amichevole di ognuno e dalla verve di Dominique Houdart e la sua troupe che hanno subito presentato il loro Padox. Questo grosso e impacciato straniero, tanto brutto quanto tenero e gentile, ha in pochi momenti conquistato l’animo di ognuno con la sua personalità semplice e ingenua, generosa e curiosa, sempre disponibile.

Ne è stato spiegato il percorso teatrale e artistico, i viaggi nel mondo, il significato volutamente sociale e politico profondamente anti-razzista, e poi: azione!
Con una serie di esercizi e dimostrazioni i partecipanti hanno incominciato ad apprenderne i gesti, a comprenderne i comportamenti ed i sentimenti che li determinano, e la dinamica dell’agire in gruppo: la concentrazione sulla propria azione e l’attenzione costante all’altro, una coscienza vigile che il regista non ha esitato a chiamare il senso della democrazia.
Infine per la prima volta è stato indossato da tutti il costume completo con la grossa maschera, e le piccole goffe mani dei nuovi Padox si sono incontrate.

Per 4 ore l’attenzione, l’interesse artistico e il piacere di essere insieme non hanno mai abbandonato il salone d’onore dell’antico palazzo dove i Padox veneziani hanno visto i loro primi passi, ed oggi si continua lo stage per prepararsi ad incontrare il pubblico giovedì in Campo Santa Maria Formosa.

– Margherita Piantini

Qui sotto, la prima parte del video dello sbarco dei Padox a Seul, in Corea, lo scorso settembre.

Ricordiamo gli appuntamenti dei Padox a Venezia:

giovedì 19 febbraio
ore 15, 16.30, 18: Campo Santa Maria Formosa

venerdì 20
ore 15, 16.30, 18: Campo Santa Maria Formosa

sabato 21
ore 15: Campo Santa Maria Formosa
ore 18 percorso Santa Maria Formosa-S.Marco
ore 21: Piazza S.Marco

domenica 22
ore 15, 16.30, 18: Campo Santa Maria Formosa

e a Mestre:

lunedì 23
ore 16.30: Stazione di Mestre e Via Monte S.Michele
ore 18:  Piazza Ferretto

martedì 24
ore 15: Piazzetta S.Francesco
ore 16.30: Giardinetti di Via Piave
ore 18: spettacolo finale al Teatro Momo (via Dante 81)

Per seguire la vicenda dei Padox su questo blog, clicca sulla tag!

Annunci

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. mandarina said, on 23 febbraio 2009 at 01:14

    ieri ho incontrato i padox….lasciatemelo dire sono proprio brutti:/…ma sono irresistibili:D!!!ti viene voglia di star con loro…di toccarli!!…il mio obiettivo per i prossimi due giorni di carnevale è di abbracciarli tutti!!!

  2. Marco said, on 23 febbraio 2009 at 01:49

    i padox sono la rappresentazione dei nostri stessi istinti, forse un po’ caricati, ma non estinti!!!
    ….
    rappresentano l’emblema umano: l’incomunicabilità,
    emblema che si riflette nel silenzio del loro spettacolo atto a rappresentarne la realtà!!

  3. Stefania said, on 24 febbraio 2009 at 19:20

    Ho potuto vedere i dolcissimi padox sabato sera esibirsi sul palco a San Marco..davvero emozionante! è stato deludente però lo scarso interesse del pubblico, ascoltare i commenti negativi e i pochi applausi…credo che una spiegazione introduttiva allo spettacolo avrebbe permesso a gran parte degli spettatori di comprendere il significato di ciò che si mostrava ai loro occhi.

  4. […] mese scorso abbiamo seguito (vai all’articolo) l’arrivo a Venezia dei Padox, marionette-travestimenti dall’aspetto singolare, […]


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: